MUSICA IN 8D TECHNOLOGY, cos’è? Come funziona?

Fotografo Salvatore Marinaro
Condividi:

“E gira tutt’intorno alla stanza,

mentre si danza, danza…”

Voglio Vederti Danzare – Franco Battiato

Chi di voi non ha provato una sensazione “unica”, dopo aver indossato le proprie cuffie e aver premuto il tasto play di questa canzone che molti hanno ricevuto su Whatsapp?
Ascoltare rigorosamente con le cuffie.

Ilomilo – Billie Eilish

“é la cosa più bella dall’inizio di questa quarantena”

“mi gira la testa”

“penso che non vorrò mai più sentire musica in altri modi

“si muove il cervello

Queste e molte altre le reazioni delle persone che hanno ascoltato questa nuova tipologia di musica immersiva! Ma cerchiamo di capire con cosa abbiamo a che fare.

Se si fa una ricerca su internet è possibile trovare tracce audio 8D di svariate canzoni molto popolari. Esistono canali YouTube e playlist su Spotify targate 8D TUNES che ne raccolgono già da un paio di anni.

Attenzione però!

Il termine 8D in sè e per sè non ha molto valore, in quanto tutto ciò che ascoltiamo sono sempre tracce audio in 2D o 3D, che provano a emulare i suoni provenienti dalla vita reale.

E allora perchè lo chiamiamo 8D?

La terminologia tecnica nota più vicina all’8D è l’Ambisonic Audio, cioè si tratta di una tecnologia sviluppatata per migliorare l’esperienza di realtà virtuale già dagli anni ’70, che consiste nel dividere il suono registrato in uscita su due canali differenti (destra e sinistra).

La differenza sostanziale tra le due tecnologie sta nel fatto che nell’8D gli ingegneri del suono spostano dinamicamente la sorgente del suono attorno a un focus centrale, diversamente che in un audio 3D dove la sorgente rimane fissa.

Questa dinamicità è il risultato dell’utilizzo di una registrazione binaurale tramite due microfoni posizionati in modo da replicare la posizione delle orecchie, ritardando il raggiungimento del suono a ciascuno di essi.
Un esempio per comprenderlo è l’audio del Virtual Barbershop. Ascoltatelo con le cuffie per provare la sensazione di essere sulla sedia di un barbiere in azione!

Da questo è nato in seguito tutto un filone di video denominato come ASMR, con i quali la gente afferma di potersi rilassare proprio con l’ascolto di questi suoni.

Non tutte le tracce che trovate sono effettivi 8D Audio

Infatti, molte tracce in rete sono solo semplici file in 3D dove lo spostamento sembra avvenire solo a sinistra e a destra della testa, senza determinare quel senso di immersione profonda a 360°.

Il futuro della musica 8D

La difficoltà dello sviluppo dell’audio 8D è soprattutto legato a una diffocoltà di mixaggio finale del file audio binaurale e dal preponderante ascolto della musica in cassa da parte dell’utenza. Vero è, che l’utilizzo delle cuffie in “solitaria”, ormai ha condotto a una maggiore consapevolezza di questa tecnologia, ma ancora non si può parlare di ottimizzazione di ascolto su larga scala in modo semplice e comunitario.

Tuttavia, la tecnologia continua a evolversi e chissà che in futuro non si possa ascoltare questo tipo di musica come se si fosse proprio ad un concerto senza muoversi da casa! Utile sarebbe in questa quarantena che ne dite?

Ora vi lasciamo alcune tra le canzoni migliori che abbiamo trovato sul web.

Non dimenticate le cuffie e lasciate che questa forma di ascolto vi faccia sentire al centro dell’azione musicale. Buon ascolto!

Leggi le nuove previsioni sull’andamento dell’epidemia nei prossimi giorni, clicca qui.

Fonte: soundwiz
Foto: Salvatore Marinaro

Condividi:

Giulia Chiappisi

Ingegnere Edile-Architetto by day, faccio cose e vedo gente (per ora solo in video chiamata) by night.

Potrebbero interessarti anche...