Il Cammino di Santiago Siciliano: la “Magna Via Francigena”

Condividi:

La Magna Via Francigena è il cammino di Santiago a stampo siciliano che collega Palermo ad Agrigento passando da Prizzi, Santa Cristina di Gela e Castronovo di Sicilia.

In realtà sono in totale 4 i Cammini Francigeni in Sicilia, ma oggi ci concentreremo sul primo attualmente aperto al pubblico, più corto e già testato da tantissimi appassionati.

Le 4 vie Francigene in Sicilia

Attraversata per millenni da tantissimi pellegrini collega il Capoluogo siciliano alla Provincia di Agrigento attraverso vie storiche e paesaggi suggestivi… non sono solo sentieri tra i campi e i vari centri urbani bensì l’eredità lasciataci da queste genti.

La storia della Magna Via Francigena

La Via collega il Mediterraneo al Tirreno permettendo nei secoli le contaminazioni culturali: ecco perché oggi si respira la cultura greca, romana, bizantina, francese, araba e normanna (e non solo) nella nostra arte, cultura e tradizione.

Questo percorso storico inoltre in origine permetteva il collegamento dei porti principali con le città più grandi: Spagna, Africa, l’Oriente e la Terra Santa.

Grazie ai Normanni che riconquistarono l’isola e ricristianizzarono tutto il territorio si compie quella che è la società siciliana odierna, un mix culturale e genetico di popolazioni con caratteristiche differenti, ma accoglienti per costituzione.

Da pochi anni promosso e recuperato dalla Curia Arcivescovile di Agrigento il percorso ha permesso a tantissimi turisti, trekkers, sportivi, etnologi, collezionisti e amanti delle passeggiate all’aria aperta di avventurarsi.

Sono tantissime le guide ambientali escursionistiche che accompagnano in giro gli appassionati, ma il percorso può essere fatto anche autonomamente.

Il percorso:

Lunghezza: 160 Km
Durata minima: 8 giorni
Periodo migliore: da Marzo a Ottobre
Difficoltà: Media

160 sono i Kilometri totali e non sono affatto pochi, ma è comunque possibile dividere il percorso in tappe da 20 Km circa per renderlo piacevole e non troppo stancante. Si può partire da Palermo o da Agrigento indifferentemente.

Lo schema che si consiglia è il seguente:

  • Palermo
  • Santa Cristina Gela – Corleone (19 o 25 km)
  • Corleone – Prizzi (19 km)
  • Da Prizzi a Castronovo di Sicilia verso Cammarata (19.5 o 24 km)
  • Cammarata – Sutera (15 km)
  • Sutera – Racalmuto (23 km)
  • Racalmuto – Aragona (11.5 km)
  • Agrigento.

E’ opportuno camminare con estrema lentezza per apprezzare fino in fondo la bellezza con uno sguardo diverso, più attento e riflessivo.

Qual è il percorso?

Simbolo percorso Magna Via Francigena

A farvi da guida saranno dei simboli speciali lungo il percorso come quello in foto. Consigliate sono, invece, due guide reperibili online (su Amazon): La Magna via Francigena e Da Palermo a Messina per le montagne.

Meglio ancora le tracce GPS disponibili nel sito ufficiale della Magna Via Francigena al fine di seguire correttamente il percorso.

Dove alloggiare?

Lungo tutta la Magna Via Francigena è possibile pernottare in diverse tipologie di strutture. Volontari, piccoli imprenditori e proprietari di attività si sono messi in gioco per fornire i propri alloggi ai pellegrini.

Il progetto non riceve alcuna percentuale dagli albergatori, ma il prezzo rimane “pellegrino” o calmierato, affinché si possa consigliare questa struttura.

E’, però, necessario prenotare, almeno 4-5 gg in anticipo, precisando sempre di essere un pellegrino de la “Magna Via Francigena”.
Sul sito trovi l’elenco delle Strutture di Accoglienza, i contatti e gli indirizzi, aggiornati periodicamente.

Cosa portare con sé?

Sicuramente uno zaino.
E’ opportuno che ogni partecipante abbia il suo zaino poiché rappresenta “casa tua” per l’intera marcia.

Non esiste lo zaino perfetto, ma lo zaino perfettamente strutturato ad personam.
Uno zaino ben fatto è metà dell’escursione si consiglia pertanto di distribuire i pesi nello spazio a disposizione per assicurarsi un viaggio con meno problemi.

Si raccomanda di riempirlo e svuotarlo anche con la sola luce della torcia frontale che spesso è l’unica luce che avrete a disposizione. Oltre all’acqua portare con sé degli snack leggeri, frutta e frutta secca, cioccolata e miele in sacca e a portata di mano per il pellegrino.

Per un cammino invernale, sconsigliato ai più per le variazioni repentine del tempo, lo zaino sarà ovviamente più pesante in vista delle temperature più rigide e delle piogge intense.

Il progetto della Magna Via Francigena

Il progetto prevede la collaborazione dei seguenti comuni siciliani : Palermo, Monreale, Piana degli Albanesi,  Santa Cristina Gela,  Corleone, di Prizzi,  Castronovo di Sicilia,  Cammarata,  San Giovanni Gemini,  Acquaviva Platani,  Sutera,  Campofranco,  Milena,  Racalmuto,  Grotte,  Comitini, Aragona,  Joppolo Giancaxio e  Agrigento.

Siciliani semu, un populu chi canta in allegria; ‘nta lu sangu avemu la forza dill’antichi cavaleri, Nurmanni, Greci, Arabi e Spagnoli, chi sta Sicilia vosiru vantari…”.

Condividi:

Luisa Lombardo

Sono un ingegnere: raggiungo i miei traguardi senza fretta, ma senza sosta!

Potrebbero interessarti anche...