La materia poteva non esserci

Condividi:

La materia poteva non esserci

Prima di cominciare la lettura di questo articolo, ti invito a guardare questo video introduttivo, così da poter scoprire a 360° questa magnifica opera.

Il viaggio virtuale comincia con la prima scultura realizzata, La materia poteva non esserci, opera realizzata da Pietro Consagra, scultore e scrittore italiano, tra i più prestigiosi esponenti dell’astrattismo internazionale.

Quest’opera nasce nel 1982, quando Antonio Presti, provato dalla scomparsa del padre decide di dedicargli un monumento.

Decise quindi di rivolgersi allo scultore Siciliano e decidendo di non fare sua l’opera ma di donarla alla collettività, collocandola alla foce della Fiumara.

Come detto nell’articolo introduttivo di questa rubrica, quest’opera ha avuto una storia abbastanza travagliata.

Infatti è stata soggetta a numerose vicende con la giustizia, tanto da essere sottoposta a demolizione completa per abusivismo edilizio in difformità alla Legge Galasso.

Il 23 febbraio 1994 la Corte di Cassazione chiude la vicenda annullando l’ordine di demolizione.

Solo dopo 25 anni di battaglie, l’opera insieme a tutto il parco della Fiumara d’Arte viene riconosciuto percorso turistico culturale.

Descrizione dell’opera

Una grande scultura frontale a due elementi, addossati, paralleli e distinti nei colori bianco e nero, in un delicato equilibrio di pieni e vuoti. Alta 18 metri, è stata realizzata in cemento armato in un contrapposto cromatico, che più delle altre, testimonia il rapporto uomo-ambiente attraverso la razionalità della sua concezione e la leggerezza con cui il cemento armato si fa forma bidimensionale e percorribile. L’opera ci invita a passarci in mezzo, quasi a varcare una porta che porti in un altro tempo che fu quello passato, arcaico. Ci si accorge allora dell’immensità del cielo, sotto il quale la storia scorre da tempo immemorabile: un paravento o un diaframma posto tra la realtà immaginaria.

Modello 3D

Di seguito troverai il modello 3D dell’opera La materia poteva non esserci, che potrai ruotare a 360°.

 

Condividi:

Salvatore Marinaro

Sono un Ingegnere, innamorato della tecnologia e dell'innovazione, a cui piace cimentarsi in nuove esperienze.

Potrebbero interessarti anche...