Servizi postali e pensioni | AGGIORNAMENTO al 26/03/2020

Condividi:

Il sito ufficiale di Poste Italiane fa sapere che i servizi postali sono garantiti ma con opportune restrizioni determinate dalle misure emergenza epidemiologica da COVID-19.

Sull’intero territorio nazionale gli uffici saranno aperti in proporzione agli abitanti di ciascun Comune:

  • Uffici aperti su doppio turno: le aperture pomeridiane sono garantite per almeno un ufficio nei Comuni con oltre 150.000 abitanti;
  • Uffici aperti solo al mattino: le aperture saranno effettuate a giorni alterni ad eccezione dei Comuni con più di 25.000 abitanti;
  • nei Comuni con un unico Ufficio Postale, l’apertura avverrà a giorni alterni.

Inoltre, il servizio di prenotazione online dell’appuntamento in ufficio postale (il cosiddetto “Prenota Ticket”) è stato sospeso.
Tutti i cittadini sono, comunque, informati sulle novità tramite gli avvisi affissi all’esterno degli Uffici.

PAGAMENTO PENSIONI DI APRILE 2020

Le pensioni del mese di aprile per i pensionati, titolari di un Conto BancoPosta, di un Libretto di Risparmio o di una Postepay Evolution, saranno accreditate in anticipo dal 26 marzo.
I possessori di carta Postamat, Carta Libretto e Postepay Evolution, che hanno già scelto l’accredito della pensione, possono prelevare i contanti negli oltre 7000 Postamat senza recarsi allo sportello.

Se, invece, è necessario ritirare la pensione in contanti in ufficio postale, bisogna presentarsi agli sportelli seguendo il sistema di turnazione secondo la seguente ripartizione di cognomi:

Servizi postali garantiti ma con restrizioni

Per tutti gli uffici postali aperti in unica giornata su tutta la settimana, il pagamento sarà effettuato a tutte le lettere nella stessa giornata.

Sul sito si legge, inoltre, che “le nuove modalità di pagamento delle pensioni, nell’attuale emergenza sanitaria, hanno carattere precauzionale e sono state introdotte con l’obiettivo prioritario di garantire la tutela della salute dei lavoratori e dei clienti di Poste Italiane.

Altri servizi

A meno di nuove disposizioni, fino al 3 aprile risultano sospesi:

  • i termini per la presentazione dei reclami inerenti i servizi postali;
  • i “Servizi a Domicilio” (ricariche a domicilio Postepay e SIM telefoniche, pagamento a domicilio di bollettini, accettazione a domicilio di Raccomandate/Postedelivery Box Standard, attivazione a domicilio di PosteID abilitato a SPID).

Vengono rimandate fino al 3 aprile 2020 tutte le procedure di sospensione delle forniture di energia elettrica, gas e acqua per morosità – di famiglie e piccole imprese – con comunicato del 12/03/2020 dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

Per quanto riguarda i servizi di consegna corrispondenza e pacchi gli orari di lavoro dei portalettere sono stati dilazionati.

A breve, ulteriori aggiornamenti in merito.

Al fine di arginare il più possibile la diffusione del Coronavirus si raccomanda di:

  • entrare negli uffici postali esclusivamente per il compimento di operazioni essenziali e indifferibili;
  • in ogni caso avere cura, ove possibile, di indossare dispositivi di protezione personale;
  • di entrare in ufficio solo all’uscita dei clienti precedenti;
  • tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno degli uffici che nelle sale aperte al pubblico”.

Fonte: Poste Italiane

Condividi:

Achille Roberto Porcasi

Dottore in Ingegneria Edile-Architettura. Sempre pronto a conoscere ed imparare.

Potrebbero interessarti anche...