Stai con me, non lasciarmi!

disturbo dipendente di personalità
disturbo dipendente di personalità
Condividi:

Dopo l’articolo “Aiuto, mio figlio è intelligente!”, eccoci con un nuovo appuntamento della nostra rubrica sulla psicologia insieme alla dottoressa Sharon Cardella che ci farà conoscere il mondo del disturbo dipendente di personalità.

Cos’è? Come si riscontra? Quanto può essere problematico?

I disturbi di personalità non presentano dei veri e propri sintomi, ma sono contraddistinti dalla presenza di “tratti”, ovvero caratteristiche di personalità (dal fisiologico al patologico) che possono creare difficoltà nel soggetto ed in chi gli sta vicino.

Spesso si riscontra la cosiddetta egosintonicità, ossia l’inconsapevolezza di avere un disturbo, in quanto i tratti si presentano in sintonia con il proprio modo di essere. A questa possono aggiungersi depressione, disturbi d’ansia o dell’adattamento ed è possibile che siano correlati al disturbo borderline, evitante e istrionico.

Nei soggetti affetti da disturbo dipendente si può riscontrare:

  • difficoltà a prendere decisioni quotidiane senza consigli e rassicurazioni;
  • bisogno di lasciar assumere agli altri le responsabilità per la sua vita;
  • difficoltà ad esprimere disaccordo per il timore di perdere supporto o approvazione;
  • difficoltà ad iniziare progetti o a fare cose autonomamente;
  • necessità di accudimento che può manifestarsi con atteggiamenti di sottomissionedipendenza e timore della separazione;
  • disagio e preoccupazione, se solitari, per timore di essere incapace di prendersi cura di sé;
  • ricerca immediata di un’altra relazione, subito dopo un rapporto intimo, come fonte di accudimento e di supporto.

Nelle relazioni sociali sono portati a circondarsi di poche persone a cui pensano di potersi affidare, sviluppando un forte attaccamento (esempio ne è lo studio nei bambini) che può declinarsi in forme diverse a seconda dei comportamenti della cosiddetta “base sicura” che contribuisce a formare la struttura della personalità per l’età adulta.

In conclusione, per chiarirsi le idee è sufficiente leggere il parere tecnico cliccando su questo link che rimanderà alla pagina creata dalle dottoresse Bongiovanni e Cardella. Ci ritroveremo la prossima settimana con un’altra interessante tematica! Non mancate!

Condividi:

Achille Roberto Porcasi

Dottore in Ingegneria Edile-Architettura. Sempre pronto a conoscere ed imparare.

Potrebbero interessarti anche...